Vai ai contenuti principali

Idee Ricostituenti

Idee-Ricostituenti

Scopri i le proposte vincitrici!

Idee Ricostituenti è un percorso partecipativo co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna ai sensi della L.R. 15/2018. L’Unione della Romagna Faentina intende promuovere nell’anno 2021 una prima edizione sperimentale di bilancio partecipato per i Comuni aderenti, ed ha riscontrato l’interesse delle amministrazioni di Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza, Riolo Terme e Solarolo ad avviare e sostenere tale percorso. Il bilancio partecipato, così come disciplinato dall’art. 20 del Regolamento degli istituti di partecipazione dell’Unione, è uno strumento di democrazia diretta attraverso il quale i cittadini partecipano alle decisioni che riguardano la destinazione delle risorse economiche degli enti, nelle aree in cui l’Unione e i Comuni hanno competenza diretta, proponendo idee progettuali che saranno poi finanziate e realizzate dall’Unione stessa. L’intero percorso ha l’obiettivo di responsabilizzare i cittadini nell’espressione dei loro bisogni, nonché a comprendere le esigenze dell’intera collettività condividendo metodi, finalità e obiettivi comuni.

Idee Ricostituenti si articolerà in una fase di apertura e quattro fasi operative:

Condivisione e apertura del percorso: definizione del cronoprogramma definitivo e dei testi dei materiali da pubblicare (definizione regole di ammissibilità delle idee progettuali, modalità di voto, forme di comunicazione e pubblicità, ecc.) e comunicazione di avvio del progetto alla cittadinanza (conferenza stampa di presentazione del progetto, promozione della pagina on line e pubblicazione di tutti i materiali inerenti la formulazione delle idee progettuali) [febbraio – marzo]

Fasi Operative

  1. Presentazione delle idee progettuali (15 marzo - 23 maggio): è la finestra di tempo durante la quale i cittadini possono presentare proposte, attraverso la piattaforma on line dedicata. 
  2. Valutazione di ammissibilità dei progetti (24 maggio - 2 giugno): consiste nel controllo della compatibilità delle proposte rispetto alle tematiche generali individuate dall’Unione e rispetto delle condizioni di ammissibilità
  3. Votazione dei cittadini (3 giugno - 4 luglio): le proposte raccolte sono sottoposte al voto della cittadinanza, attraverso la piattaforma on line. Avranno diritto di voto tutti i residenti nei Comuni aderenti al percorso, con più di 16 anni di età;
  4. Valutazione finale di fattibilità (5 luglio - 30 settembre): chiuse le votazioni, le proposte che hanno ottenuto il maggior numero di voti tra i cittadini sono sottoposte alla valutazione tecnica di ammissibilità da parte degli uffici dell’Unione, per poi venire inserite negli strumenti di programmazione delle attività dell’ente per la loro effettiva realizzazione fra fine 2021 e 2022.

Il percorso vuole promuovere una “chiamata alle idee” in una fase dove l’immaginazione dei cittadini sul futuro e la capacità di spesa delle amministrazioni locali è messa a repentaglio dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria. Per questo motivo le idee progettuali richieste ai cittadini dovranno riguardare almeno uno dei seguenti temi, emersi come prioritari causa covid-19:

  1. affrontare il divario e la transizione digitale esistente all’interno delle nostre comunità
  2. offrire nuove occasioni di socializzazione e di protagonismo da parte dei giovani
  3. sostenere la risposta a nuovi bisogni sociali e contrastare l’aumento dei rischi di esclusione.

Obiettivi del percorso “Idee Ricostituenti”

  • stimolare la creatività civica dei cittadini, singoli e associati, nella risposta ai nuovi bisogni evidenziati dall’emergenza sanitaria.
  • coinvolgere come destinatari o protagonisti i residenti fra i 16 e i 35 anni, che più di altre fasce della popolazione sono avvezzi all’uso delle nuove tecnologie ma che al tempo stesso meno beneficiano di interventi da parte delle amministrazioni locali rispetto alla popolazione di età infantile o anziana, cui si rivolgono maggiori servizi comunali;
  • promuovere sia progettualità specifiche, sia un complessivo maggiore utilizzo, di piattaforme tecnologiche, metodologie e strumenti anche di carattere digitale;
  • garantire nuove forme di integrazione dei cittadini nei processi decisionali, in un’ottica di garanzia del principio costituzionale di buon andamento. Il percorso, con i suoi elevati standard di pubblicità e di inclusione, vuole promuovere l’approccio “partecipante” del cittadino quale controllore dell’operato delle pubbliche amministrazioni;
  • il progetto ha altresì l’obiettivo di promuovere sempre più la conoscenza dell’Unione presso la popolazione residente.

CONTATTI

Andrea Venturelli  - Responsabile del progetto / Unione della Romagna Faentina
mail: andrea.venturelli@romagnafaentina.it

Andrea Piazza – Coordinatore del Comitato di Garanzia / Unione della Romagna Faentina
mail: andrea.piazza@romagnafaentina.it

SUPPORTO TECNICO

partecipo@romagnafaentina.it

Scopri i le proposte vincitrici!