Vai ai contenuti principali

Rilascio di certificazione anagrafica

Rilascio di certificazione anagrafica, relativamente a:

  • residenza
  • stato di famiglia
  • stato libero
  • esistenza in vita
  • cittadinanza
  • certificati cumulativi, individuali o di famiglia, ossia recanti in un unico certificato più informazioni
  • risultanze anagrafiche di nascita, morte e matrimonio
  • ogni altra informazione contenuta nell’anagrafe, salve eccezioni di legge.

Chi può farne richiesta

Ogni cittadino, previa identificazione, può richiedere certificati anagrafici relativi a:

  • cittadini risiedenti nel Comune
  • cittadini residenti in altri comuni italiani che abbiano completato il subentro all’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, costituita presso il Ministero dell’Interno.

Documentazione necessaria

  • documento di identità in corso di validità
  • ai fini della corretta applicazione dell’imposta di bollo il cittadino è tenuto a dichiarare l'utilizzo del certificato.

Costi e modalità di pagamento

I certificati anagrafici sono soggetti all'imposta di bollo e al pagamento dei diritti di segreteria:

  • in generale il costo a certificato è pari a €16,00 per l’imposta di bollo oltre ad €0,52 per i diritti di segreteria
  • se richiesti per un utilizzo per cui è prevista l’esenzione dall’imposta di bollo il costo a certificato è quello dei soli diritti di segreteria nella misura di €0,26
  • se richiesti per un utilizzo per cui è prevista l’esenzione sia dall'imposta di bollo che dai diritti di segreteria il rilascio è gratuito.

E’ possibile pagare:

  • in contati o tramite POS, direttamente allo sportello
  • tramite bonifico, se il cittadino richiede il certificato senza presentarsi fisicamente in ufficio.

Tempi del procedimento

Se la richiesta è presentata allo sportello, il rilascio è immediato.

Se la richiesta è presentata con modalità che non comportino recarsi presso l’Ufficio, il rilascio avviene nel minor tempo possibile e comunque nel termine massimo di 30 giorni.

Come fare/cosa fare

I cittadini potranno richiedere certificati, indicando le generalità complete (nome, cognome, data e luogo di nascita) della persona di cui si richiede certificazione e specificando l’utilizzo del certificato, tramite una delle seguenti modalità:

Qualora il cittadino si presenti in Ufficio è inviato a allegare alla richiesta:

  • la ricevuta del bonifico relativo all’imposta di bollo e ai diritti di segreteria, se dovuti
  • qualora necessiti del certificato cartaceo, busta preaffrancata per l’invio (non necessaria se è ritenuto adeguato il certificato inviato previa scansione tramite e – mail).

Riferimenti normativi

Decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 28 dicembre 2000 e successive modificazioniDecreto del Presidente della Repubblica n. 223 del 30 maggio 1989, modificato dal D.P.R. 30 luglio 2012 n. 154 e dal D.P.R. 17 luglio 2015 n. 126; Legge n. 183 del 12 novembre 2011Decreto del Presidente della Repubblica n. 642 del 26 ottobre 1972 e successive modificazioni; Legge n. 1228 del 24 dicembre 1954 e successive modificazioni; Legge n. 241 del 7 agosto 1990 e successive modificazioni; Legge n. 1064 del 31 ottobre 1955 e successive modificazioni e relative circolari ministeriali.

Domande Frequenti

Accedi alla pagina delle FAQ: domande ricorrenti.

Ulteriori informazioni

Silenzio assenso o diniego: Non applicabile.

Servizi responsabili del procedimento per ambito territoriale:

  • Servizio Polifunzionale Castel Bolognese, Faenza e Solarolo
  • Servizio Polifunzionale Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme.

Potere sostitutivo: Sindaco quale Ufficiale di Governo e titolare della funzione.

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale:

  • ricorso gerarchico al Prefetto
  • ricorso giurisdizionale al Tribunale Civile.

Autocertificazioni: NO.

Privacy: Il trattamento dei dati personali viene effettuato dall’Unione della Romagna Faentina alla quale i Comuni ad essa aderenti hanno delegato la gestione dei servizi, secondo le specifiche norme in materia sopra esposte. I dati raccolti vengono divulgati alle pubbliche amministrazioni coinvolte nei procedimenti anagrafici, come normativamente previsto.

Data ultima modifica: 20 Agosto 2020