Vai ai contenuti principali

Piadina (Piê)

Pane

È questa la più classica delle specialità romagnole di antica tradizione. Un tempo veniva cotta sul testo (o teggia); una piastra rotonda e piatta con l'orlo leggermente rialzato, di terracotta o pietra refrattaria,  che veniva posta sulle braci ardenti. Il testo viene oggi generalmente sostituito da una normale piastra di ferro.

Giovanni Pascoli nella raccolta "Nuovi poemetti" dedica a questo alimento una poesia "La Piada": Il mio povero mucchio arde e già brilla: / pian piano appoggio sopra due mattoni / il nero testo di porosa argilla. / Maria, nel fiore infondi l'acqua e poni / il sale; dono di Te, Dio; ma pensa! / l'uomo che mi vende ciò che tu doni. / Tu n'empi i mari, e l'uomo lo dispensa / nella bilancia tremula: le lande / tu ne condisci, e manca sulla mensa / Ma tu, Maria, con le tue mani blande / domi la pasta e poi l'allarghi e spiani; / ed ecco è liscia come un foglio, e grande / come la luna; e sulle aperte mani / tu me l'arrechi, e me l'adagi molle / sul testo caldo, e quindi t'allontani. / Io la giro, e la attizzo con le molle / il fuoco sotto, fin che stride invasa / dal calor mite, e si gonfia in bolle: / e l'dore del pane empie la casa.

 

Ingredienti e preparazione

  • 1 kg di farina, 200 gr. di strutto, 4 cucchiai di olio d'oliva extravergine, 1 cucchiaio scarso di sale, lievito per un kg, acqua tiepida o latte.

Versate sulla spianatoia la farina, mettete al centro lo strutto e l'olio, impastate unendo l'acqua tiepida o il latte (in cui è stato precedentemente sciolto il sale) fino ad ottenere una pasta piuttosto morbida. Lavoratela bene e lasciatela riposare un poco, quindi dividetela in tanti gnocchetti della grandezza di un limone, stendeteli in dischi dello spessore di non più di mezzo centimetro.

Fate arroventare la piastra, abbassate la fiamma ed iniziate la cotturra dei dischi ottenuti, punzecchiandoli con la forchetta. Lasciateli cuocere bene, prima da un lato poi dall'altro.

Mantenete le pizze calde coprendole con un tovagliolo.

La piadina si può gustare da sola, con lo squacquerone, ripiena di erbe, con i salumi e in tanti altri modi.

Data ultima modifica: 9 Ottobre 2019