Vai ai contenuti principali

SIEDER

Sistema Integrato dell’Edilizia dell'Emilia-Romagna

SIEdER è il sistema informativo condiviso della Regione Emilia-Romagna per la compilazione e l'invio telematico delle pratiche di trasformazione edilizia del territorio, da parte dei professionisti, ai SUE dei Comuni.
La piattaforma permette la compilazione on-line e l’invio della richiesta dei titoli edilizi in conformità con il Modello Unico Digitale per l’Edilizia (MUDE) approvato con Legge Regionale 15/2013.

Per effettuare il primo accesso al sistema SIEdER, il professionista deve:

1 - Munirsi delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o credenziali FedERa (con livello di affidabilità richiesto Alto) o CNS (Smartcard) o CIE (Carta d'Identità Elettronica).

ATTENZIONE il sistema di identificazione digitale FedERa si è evoluto in SPID-LepidaID. 
Se si possiede un utente FedERa, momentaneamente si può continuare ad utilizzare le credenziali fino alla migrazione definitiva in SPID-LepidaID. Se ancora non hai una identità digitale puoi registrarti a SPID-LepidaID.

2 - Registrarsi come professionista a SIEdER utilizzando le credenziali descritte al punto 1.
La richiesta di registrazione verrà presa in carico e verificata da Lepida. Nell'arco di una giornata il professionista potrà accedere a SIEdER.

3 - Avere  una casella di posta elettronica certificata (PEC).

4 - Avere un dispositivo per la firma digitale.

Indicazioni sulla modalità di salvataggio dei file
Tutti gli elaborati allegati alle istanze MUDE prodotte con SIEdER devono essere in formato PDF/A-1, corrispondente allo standard ISO 19005-1 per l'archiviazione e conservazione di lungo periodo dei documenti digitali, e firmati digitalmente mediante dispositivi che producono formati CADES, ovvero file con suffisso .p7m. Attualmente il sistema non supporta il conferimento di file firmati digitalmente con dispositivi che producono formati PADES.

  • I nomi dei files PDF devono essere significativi e coerenti con il cartiglio dell'elaborato e/o il contenuto dello stesso (es. Relazione_illustrativa.pdf o Planimetria_stato legittimo.pdf).
  • Non utilizzare caratteri speciali (@,;:'$€%”?!\|/^°#*+) e sostituire gli spazi con il trattino basso “_”.
  • La lunghezza del nomefile non dovrà essere superiore ai 40 caratteri.
  • E' opportuno che siano adottati criteri di organizzazione e denominazione degli allegati idonei ad una efficace ed efficiente gestione degli stessi, anche a fronte di nuove versioni richieste per integrazioni; per gli allegati alle pratiche SIEdER fare corrispondere il nome del file PDF col contenuto del campo “Titolo dell’allegato”.
  • La dimensione complessiva dei file PDF di una istanza non deve superare i 50 Mbyte. Qualora un particolare elaborato dovesse superare tale limite si richiede di suddividerlo in due o più sotto-elaborati (potrebbe verificarsi con relazioni fotografiche, inquadramenti territoriali su foto aeree, rendering, etc.) da numerare progressivamente (es. Relazione_fotografica_1.pdf, Relazione_fotografica_2.pdf, e così via). Per progetti particolarmente complessi le eventuali immagini o fotografie allegate agli elaborati della pratica potranno essere raccolte in unico file PDF con i riferimenti all'elaborato di appartenenza fermo restando la dimensione max di 50 Mbyte dell'intero progetto;
  • Non sono ammessi all’interno degli allegati link a documenti esterni (es.collegamenti a servizi web quali WeTansfer, Dropbox, Drive, ecc.), perché non supportati da PDF/A-1.
  • La risoluzione delle immagini contenute nei PDF non deve superare i 150 dpi;
  • Si raccomanda di stampare virtualmente gli elaborati PDF rispettando sempre la scala di rappresentazione grafica (1:100, 1:200, 1:50, etc. ) senza adattamenti o riduzioni alla pagina affinché risultino correttamente e agevolmente misurabili. Tipicamente occorre assicurarsi di selezionare in fase di stampa l'opzione “Dimensioni effettive” o equivalente.

n.b. Nel SIEDER non è possibile creare istanze collegate a interventi in corso presentati in forma cartacea o pec.

ACCEDI A SIEDER

Per maggiori informazioni e assistenza:

  • FAQ
    E' disponibile un'apposita sezione FAQ in cui sono fornite risposte a domande frequenti, sia di carattere molto generale, sia inerenti tematiche specifiche dell'utilizzo del sistema. 
    Inoltre, solo dopo avere effettuato l'accesso al sistema, è presente un'apposita voce di Aiuto attraverso la quale è possibile contattare il servizio di assistenza che risponderà alle vostre specifiche domande.
  • Helpdesk Lepida
    in caso di difficoltà nell'utilizzo della piattaforma SIEdER richiedere assistenza a:
    - contact center: tel. 800.445500
    - e-mail: helpdesk@lepida.it
    - web: http://www.lepida.it/servizi/help-desk
    - all'interno dell'omonima sezione del portale una volta autenticati.
     I tempi di risposta variano a seconda della complessità della richiesta, da qualche ora ad un paio di giorni.
  • Backoffice dell'Unione
    da utilizzare solo quando in SIEdER nella sezione "Localizzazione e oggetti edilizi dell'intervento" non è possibile recuperare oggetti edilizi (edifici e unità edilizie). In tal caso il sistema restituisce un errore di comunicazione con l'ACI comunale.
    e-mail: sieder@romagnafaentina.it
    IMPORTANTE riportare sempre i riferimenti catastali dell'edificio oltre a via e numero civico. Nel caso di una o più unità immobiliare indicare tutti gli identificativi catastali, specificando la relazione fra subalterno catastale ed eventuale interno anagrafico.
Data ultima modifica: 19 Febbraio 2020